Re-Fuso di Gruppo Elettrogeno | 2 Aprile | LOFT/Kinodromo >>ERROR DAY 2017

4° Edizione ERROR DAY – Giornata mondiale dell’errore
1 e 2 Aprile 2017

Domenica 2 Aprile 2017
RE-FUSO
di Gruppo Elettrogeno-Orbitateatro
In collaborazione con LOFT / Kinodromo – via San Rocco 16, Bologna
repliche ore 20:00/21:00/22:00
Ingresso con tessera AICS

Error Day - 1, 2 aprile 2017

Azione performativa rintracciata dall’opera di Ionesco Il Re muore.
Al centro del lavoro, sospetti di personaggi che coltivano il desiderio d’appartenere a qualcosa che sopravviva al tempo e alle scorie prima di abbandonarsi ad un ultimo viaggio.
Un Re inetto, ne pesce ne carne,
immobile, colpevole d’omissione,
2 regine x 1,
la serva, la sua parrucca e la sua finta analista.
Con gli attori non vedenti, ipovedenti e vedenti della formazione artistica Orbitateatro

Regia: Martina Palmieri – Get
Parole: Martina Palmieri e le attrici e gli attori di Get – Orbitateatro
Camera: Marilena Lodi – Get
Mixer video: Francesco Burlando
Visual Lab attrezzatura video

Una produzione: Gruppo Elettrogeno, Museo Tolomeo – Museomix Bologna, Istituto dei ciechi F. Cavazza ONLUS di Bologna, Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti, Sezione provinciale di Bologna e Teatri Solidali.

RegineIl re muore

INFO
Prenotazione obbligatoria: info@gruppoelettrogeno.org
3 repliche: ore 20:00 | 21:00 | 22:00 per un massimo di 30 persone a replica.

Allegati
– Foto di Claudio Renna: [Regine] | [Il re muore]
– Programma 4° edizione Error Day 2017: [PDF]

Link utili:
http://www.errorday.it/ | http://www.kinodromo.org/ | http://www.gruppoelettrogeno.or

SETTE PAIA DI SCARPE HO CONSUMATE… | Azione teatrale itinerante e Workshop teatrale

Sabato 24 e Domenica 25 Settembre 2016
ex Ospedale degli Innocenti (dei Bastardini) – Via D’Azeglio, 41 – Bologna
un progetto della Rete dei Teatri Solidali della Città metropolitana di Bologna

14195274_1076192015761708_5485879400839664820_ocon la partecipazione di:
Amorevole Compagnia Pneumatica, Crexida, ExtraVagantis, Fortemente, Gruppo di Lettura San Vitale, Gruppo Elettrogeno, Il Campanile dei ragazzi, Magnifico Teatrino Errante, Medinsud, Teatro del Pratello, Teatro delle Temperie, Tra un atto e l’altro, Zoè Teatri
e il supporto organizzativo del Teatro dell’Argine e di Creativi108

Con il contributo di: Città Metropolitana – Istituto G. Minguzzi, Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.
Con il patrocinio del Comune di Bologna e il patrocinio scientifico del Dipartimento di Scienze dell’Educazione “Giovanni Maria Bertin” dell’Università di Bologna.

“SETTE PAIA DI SCARPE HO CONSUMATE…” ha visto il suo debutto ad Imola, nella settimaedizione del festival “DDT- Diversi Dirompenti Teatri”: prevede un workshop e uno spettacolo teatrale itinerante che vede in scena, contemporaneamente, 12 gruppi teatrali e un gruppo musicale della Rete dei Teatri Solidali della Città Metropolitana di Bologna. Dal punto di vista artistico una rara occasione, che si alimenta della vitalità, della vivacità sperimentale che caratterizza i gruppi teatrali attivi in molti ambiti del disagio sociale.

Sono quindi due le opportunità inserite nel progetto, il workshop e l’azione teatrale itinerante: la prima prevista per il 25 settembre, la seconda articolata in 4 repliche, alle ore 18 e alle ore 21 di sabato 24 e di domenica 25 settembre. L’intero progetto, denominato “Sette paia di scarpe ho consumate…” – con diretto riferimento a “Davanti San Guido”, di Giosuè Carducci, e alla citazione in essa contenuta della fiaba popolare “Il re porco” – e si propone come un “entrare nel vivo” delle visioni e delle pratiche del cosiddetto “teatro sociale”, che nella Città Metropolitana di Bologna diventa “teatro solidale”, in una Rete omonima promossa dall’Istituto G. Minguzzi alcuni anni fa.

L’idea del viaggio, della perseveranza, degli obiettivi che “valgono la pena”, ma anche l’atmosfera rarefatta però con rimandi profondi delle fiabe… molte cose sono contenute in questo riferimento, e molte sono le suggestioni che hanno incantato i teatranti della Rete, motivandoli a una nuova e inedita “fatica”, quella della creazione collettiva di una “cosa-che-non-c’è”: un unico “spettacolo” che vede in scena decine di attori e alcuni musici, in un filo narrativo che si dipana attraverso nove diverse stazioni, teso tra la realtà e il sogno della realtà, in una esaltazione del ruolo sociale del teatro, probabilmente frainteso o in parte perduto, nel contemporaneo, “… il cui fine, agli inizi come ora, è stato sempre ed è di porgere, diciamo, uno specchio alla natura; di mostrare alla virtù il suo volto, al vizio la sua immagine, e all’epoca stessa, alla sostanza del tempo, la loro forma e impronta.” (W. Shakespeare, Amleto, atto III, scena II).

Programma della due giorni

24 e 25 Settembre | Repilche alle ore 18.00 e alle ore 21.00
AZIONE TEATRALE PER PUBBLICO ITINERANTE
INGRESSO A INVITO
Per confermare la presenza inviare mail a: extravagantis.teatrointegrato@gmail.com
Per info: Cell.: 3392294412

25 Settembre | dalle ore 9.30 alle ore 16.30
WORSHOP TEATRALE
Per adesioni inviare mail a: marinamazzolani@gmail.com
Per info.: 3392294412

L’iniziativa è a ingresso gratuito e confermata anche in caso di pioggia

Materiale informativo: Locandina | Volantino | Comunicato stampa |
Trailer dello spettacolo SETTE PAIA DI SCARPE… realizzato dai gruppi della Rete dei Teatri Solidali di Bologna nell’ambito del Festival DDT (Diversi Dirompaenti Teatri) a Imola il 15 maggio 2016
——————————————————————————————————–
more info: www.teatrisolidali.ithttps://www.facebook.com/Teatrisolidali/
———————————————————————————————————