Sette paia di Scarpe ho consumate… | Workshop teatrale

Domenica 25 Settembre 2016 |dalle ore 9.30 alle ore 16.30
ex Ospedale degli Innocenti (dei Bastardini) – Via D’Azeglio, 41

bannerWORKSHOP TEATRALE di avvicinamento a diversificate metodologie, poetiche, percorsi di lavoro della Rete dei Teatri Solidali della Città Metropolitana di Bologna.

Il workshop intende mostrare:
a) come il teatro possa fornire strumenti per la relazione, anche in situazioni di disagio, come possa diventare occasione di espressione di temi ed emozioni che altrimenti potrebbero risultare inesprimibili, come nel teatro ci si possa riconoscere nella natura comune e nella diversità risultante dall’irripetibile unicità degli esseri umani, come nel teatro si possa giocare “per finta” la vita vera;
b) la vivacità artistica in termini di innovazione, di sperimentazione sui linguaggi, di un teatro che diventa incontro, esperienza umana collettiva, e, pur scontando pregiudizi e spesso lontano dal pubblico degli abbonati, in realtà pienamente recupera ed esalta il valore e il ruolo sociale stesso del teatro “… il cui fine, agli inizi come ora, è stato sempre ed è di porgere, diciamo, uno specchio alla natura; di mostrare alla virtù il suo volto, al vizio la sua immagine, e all’epoca stessa, alla sostanza del tempo, la loro forma e impronta.” (W. Shakespeare, Amleto, atto III, scena II).

PROGRAMMA

Ore 9.30
Introduzione ai lavori: il teatro sociale, o altrimenti denominato, a Bologna diventa teatro solidale.

Ore 9.45 – 12.30
Martina Palmieri di Gruppo Elettrogeno: RIVELAZIONI FUORI SENSI. Introduzione teorico-pratica ad alcuni elementi della ricerca teatrale che da anni caratterizza il lavoro della compagnia: il possibile incontro con un’estetica non visiva nel teatro, per ripensare una pratica teatrale come spazio radicale in cui le predisposizioni conosciute non sono più presupposti; in cui attori non vedenti e vedenti possono misurarsi con il lavoro proposto e contribuire a un processo d’ininterrotta mutazione dello sguardo attraverso il quale re-agire al presente, trasformare e ri-ambientare le funzioni sensoriali nello spazio scenico. Parteciperanno gli attori della formazione artistica Orbitateatro.

Marina Mazzolani di ExtraVagantis: SULL’UTILITÀ E IL DANNO DEL TEATRO PER LA VITA. Dagli appunti di un viaggio teatrale lungo 15 anni, spunti per un dialogo teorico-pratico con i partecipanti.

Mavi Gianni di Zoè Teatri: IMPROVVISARE È RESILIENZA. Improvvisare senza un canovaccio richiede alcuni ingredienti fondamentali: resilienza, collaborazione, struttura e flusso, spontaneità e accettazione. Esercizi dimostrativi dei 7 principi base di questa antica e moderna tecnica, per comprendere la stretta connessione tra questi ingredienti e il teatro di improvvisazione.

12.30 – Pausa pranzo

Ore 14.00 – 15.45
Guido Sodo di Medinsud: LA MUSICA COME MOTORE DELL’AZIONE TEATRALE: FUNZIONI E RAPPORTO COL DISAGIO SOCIALE. La musica svolge funzioni precise quando associata a immagini di un audiovisivo o di uno spettacolo. Si lavorerà, alternando teoria e pratica, sull’azione teatrale in rapporto alla musica. Si rifletterà sul rapporto fra musica e disagio sociale.

Micaela Casalboni di Teatro dell’Argine: IO SONO GLI ALTRI, GLI ALTRI SONO IO. Il teatro è per eccellenza una forma di condivisione ed empatia. Attraverso alcuni piccoli giochi utilizzati nei laboratori interculturali si possono attivare dinamiche di scambio che permettono di riconoscere nelle nostre esperienze quelle degli altri, in un comune terreno di dialogo e reciproca comprensione.

Ore 15.45 – 16.30
Confronto e consegna attestati

Minimo 8, massimo 30 partecipanti
Info e adesioni: Cell.: 3392294412 – Email: marinamazzolani@gmail.com

Un pensiero su “Sette paia di Scarpe ho consumate… | Workshop teatrale

  1. Pingback: SETTE PAIA DI SCARPE HO CONSUMATE… | Azione teatrale itinerante e Workshop teatrale | Gruppo Elettrogeno

I commenti sono chiusi.